20, agosto, 2017
Gli ultimi articoli
Ti trovi qui: Home » Analisi Fondamentale » Pillole teoriche: Che cosa è il Trend? – Parte III – Prezzo puro e Medie Mobili –
Pillole teoriche: Che cosa è il Trend? – Parte III – Prezzo puro e Medie Mobili –

Pillole teoriche: Che cosa è il Trend? – Parte III – Prezzo puro e Medie Mobili –

Scritto il: 12 novembre 2014

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 5.0/5 (6 votes cast)

Il metodo migliore per individuare il trend è combinare il metodo del prezzo puro e della media mobile , poiché danno entrambi segnali simili e prezzi esatti quando un trend si inverte ufficialmente, quindi eliminando quella soggettività o confusione che molti trader provano.

In breve il metodo del prezzo puro si fonda unicamente sull’analisi del trend, preoccupandoci solo di individuare i massimi ed i minimi relativi, confrontando al contempo i massimi precedenti con i massimi più recenti e i minimi precedenti con i minimi più recenti. L’obiettivo è rimuovere i pregiudizi cognitivi e ottenere il quadro più chiaro del ritmo ascendente o discendente del prezzo che si sta analizzando. Si può utilizzare qualunque tipologia di grafico, anche se quello a linea rende di più.

Il metodo del prezzo puro ha una falla: non individua l’oscillazione del prezzo, ovvero il price swing. I trader devono trovare un equilibrio da raggiungere quando si definisce ciò che si intende per swing: se la definizione è troppo restrittiva, si identificheranno troppi swing e conseguenzialmente si arriva a troppe conclusioni erronee. Se invece la definizione di swing è troppo estensiva, allora non si avrà un numero sufficiente di swing e pertanto si arriverebbe sempre a conclusioni erronee rilevando con troppo ritardo le variazioni del trend.

Come soluzione a questo problema molti trader utilizzano le medie mobili : il metodo utilizza una media mobile di breve, medio e lungo termine per valutare la struttura del trend che si va determinando nel prezzo. Come periodo delle medie mobili da utilizzare dipende dalla strategia e dal time frame che si utilizza, generalmente si utilizza una media breve a 20 periodi, media a medio termine di 50 periodi e media a lungo termine di 200 periodi. Pertanto ricorda che se utilizzi un time frame daily, una media a breve termine di 20 periodi viene intesa di 20 giorni.

Ci sono differenze tra medie mobili, ovvero abbiamo la media mobile semplice e la media mobile esponenziale.

La prima tende ad essere una media più reale delle variazioni del prezzo, per cui attribuisce lo stesso peso a ogni giorno rendendo il prezzo di 20 giorni fa uguale al prezzo del giorno precedente nel calcolo di una media mobile a 20 giorni.

La media esponenziale, invece, dà maggiore rilievo alle barre recenti e meno a quelle del passato, cioè reagiscono più rapidamente alle reazioni del prezzo, anche quelle improvvise ovvero anche alle inversioni del trend.

Le condizioni per cui si verifichi un’inversione di trend sono:

  • il prezzo deve prima scendere sotto la media mobile a breve termine e poi sotto la media mobile a medio termine;
  • la media mobile a breve termine deve incrociare quella a medio termine;
  • il prezzo deve poi incrociare al ribasso la media mobile a lungo termine, così come le medie a breve e medio termine;

 

Prossimo argomento: Pillole di Trading : Cosa vuol dire investire nel Forex – 

 

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: +5 (from 5 votes)
Pillole teoriche: Che cosa è il Trend? – Parte III – Prezzo puro e Medie Mobili -, 5.0 out of 5 based on 6 ratings
borsa borsa e finanza borsa estera borsa italiana Medie Mobili Monday Morning pillole di trading Swing trend

About Pasquale

Pasquale
Nel 2003 inizia la mia passione per il Forex Trading, un mondo che nel periodo universitario conoscevo solo in teoria. Partecipando a seminari dediti alla materia organizzati da importanti società di Trading on line a Milano e a Londra, sono cresciuto professionalmente e fatto del Forex Trading il mio reale lavoro da ben 6 anni.
Google +
Scroll To Top