20, agosto, 2017
Gli ultimi articoli
Ti trovi qui: Home » Borsa e Finanza » Good Morning Traders!: La Grecia ed il petrolio fanno tremare le Borse –
Good Morning Traders!: La Grecia ed il petrolio fanno tremare le Borse –

Good Morning Traders!: La Grecia ed il petrolio fanno tremare le Borse –

Scritto il: 15 dicembre 2014

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 4.6/5 (5 votes cast)

For foreign visitors: insert the link to the article on this site http://www.worldlingo.com/. Thanks

L’effetto Grecia trascina i mercati ancora in zona rossa: le Borse restano sulle spine per il voto anticipato, e Milano chiude con un -0,89%, Le tensioni sono scaturite anche dal petrolio, sceso ai minimi di 5 anni.

Procediamo con ordine: il giorno 10 dicembre i titoli di Stato di Atene si sono invertiti, il Bond ad un mese è arrivato a rendere più del 5%, ben sopra delle scadenze a 3 mesi (2,9%) e 6 mesi (2,7%). Inoltre il tasso triennale è andato oltre al 9,3% a fronte del 8,53% della duration quinquennale e dell’8,6% decennale.

In generale vige la regola che più il prestito ha una lunga durata e maggiore è l’interesse che il creditore pretende, se questa regola si incaglia vuol dire che qualcosa non funziona, ovvero che i soldi prestati possono non essere restituiti del tutto, ecco perché i segnali dei titoli di Atene non sono positivi.

La progressione della crisi politica greca può trasformarsi in una tragedia per i possessori dei Bond di Atene, nella peggiore delle ipotesi si prevede la sospensione del programma di aiuti alla ristrutturazione del debito pubblico e in caso estremo all’uscita del Paese Ellenico dall’Eurozona.

Il caso greco tiene ancora i riflettori puntati su di sé: le ultime richieste della troika ( aumento dell’età pensionabile ed aumento dell’ IVA) sono state rifiutate dal governo di Samaras,anche se erano provvedimenti che avrebbero fatti recuperare 2,5mld di euro. Certo sono briciole rispetto ai 240mld di euro di aiuti ricevuti, ma se Samaras se non riuscirà ad eleffere il nuovo Presidente della Repubblica a dicembre con 180 voti su 300 si troverà a consegnare il paese in Mano alla sinistra estrema Syriza, con Alexis Tsipras che è in vantaggio secondo i sondaggi.

Se così fosse, Syriza chiederà alla torika di ridurre le politiche di austerità e vorrà convocare una conferenza euro per ristrutturare dell’70%-80% del suo valore: questo potrebbe avere ripercussioni su Italia, Spagna e Francia poichè il taglio di un debito pubblico è stato finora sempre vietato categoricamente dai trattati. Se Tsirpas non ottiene nulla nemmeno sul discorso del congelamento del pagamento di interessi del debito pari a 7mld di euro, allora potrebbe profilarsi lo scenario dell’uscita della Grecia dall’Eurozona, con conseguenze per l’Italia, che è il paese dopo la Grecia con il più alto debito pubblico(anche se anologie elleniche non esistono nella nostra economia, in quanto  i conti pubblici italiani sono solidi e poi l’Italia ancora deve ricevere un solo aiuto dall’Esm), per la Francia e per la Spagna che sono in deficit per competitività.

Ancora una volta la Grecia avrà nelle sue mani il destino dell’Eurozona, come nel 2012.

 

crisi-grecia1

 

 

I timori non sono anche scaturiti dalla discesa del prezzo del petrolio: il future sul petrolio Wti è infatti sceso al minimo di luglio 2009 di 61$, discesa motivata dal taglio delle stime 2015 di domanda di barili dell’Opec, e poi anche dal dato delle scorte statunitensi che sono cresciute ben oltre le stime degli esperti.

Sul fronte dei cambi, la moneta unica europea guadagna punti sul dollaro, toccando oltre gli 1,2400 , un rialzo del 4% della coppia EUR/USD, mentre il rublo (moneta di paese esportatore di petrolio) crolla e nei confronti dell’Euro tocca quota 68, facendo registrare al cross un nuovo massimo storico.

 

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: +3 (from 3 votes)
Good Morning Traders!: La Grecia ed il petrolio fanno tremare le Borse -, 4.6 out of 5 based on 5 ratings
BCE borsa borsa e finanza commodity crisi debito grecia Dollaro Esm euro finanza Grecia investments Petrolio trading trading on line Wti

About Pasquale

Pasquale
Nel 2003 inizia la mia passione per il Forex Trading, un mondo che nel periodo universitario conoscevo solo in teoria. Partecipando a seminari dediti alla materia organizzati da importanti società di Trading on line a Milano e a Londra, sono cresciuto professionalmente e fatto del Forex Trading il mio reale lavoro da ben 6 anni.
Google +
Scroll To Top